45^ Camignada 2017

All'inizio della 45^ edizione della Camignada mancano
Ti aspettiamo a Misurina il 6 agosto 2017

pagina Facebook Camignada

Home Sentieri 120 - Stabiziane (Palùs San Marco) – Rif. Città di Carpi

Stabiziane (Palùs San Marco) – Rif. Città di Carpi

 

Stabiziane (Palùs San Marco) 1108 m – Stabinrigo Bass – Stabinrigo de Mèdo –Stabinrigo Àuto – Casera Maraia 1696 m – Inn. sent. segn. 1120, 1735 m – I Cianpiéte – Col del Viéro – Forcella Maraia 2101 m – Rif. Città di Carpi (innesto sent. attrezzato segn. 116 “Pala del Fién” e sent. segn. 118 e 121) 2110 m .

Dislivello: in salita 1002 m; difficoltà: E; tempo di percorrenza medio: ore 3.30; comuni attraversati: Auronzo di Cadore; quota massima: Rif. Città di Carpi 2110 m; periodo consigliato: da giugno ad ottobre; cartografia: Tabacco foglio 017; rifugi e punti di appoggio: Rif. Città di Carpi (0435 39139).

Breve descrizione: il sent. segn. 120 prende avvio a Stabiziane, dalla S.R. 48 che da Auronzo conduce a Misurina, sulla destra, 100 metri dopo la chiesetta di S. Michele Arcangelo, proprio di fronte ad un rustico che riporta il nome della località. Il primo tratto si percorre su strada silvo-pastorale, che dapprima si addentra pianeggiante costeggiando un torrentello e quindi, passatolo, si arrampica fino ai tabià di Stabinrigo Bass, passando per un bivio di cui si deve prendere il ramo di destra (N). Al successivo bivio, sottostante Stabinrigo de Mèdo, si prende il ramo di sinistra che attraversa una vallecola e, divenuto sentiero, rimonta diagonalmente la costa alberata giungendo dapprima a Stabinrigo Àuto e poi, risalendo le ripide pale di Maraia Bassa, alla verde radura pascoliva che circonda Casera Maraia. Da qui si percorre la comoda strada di servizio della malga , dapprima sul piano e poi in leggera discesa, fino ad incrociare sulla destra, in corrispondenza di una curva, il bivio tra il sent. segn. 1120 (che coincide con la strada che inizia la sua discesa verso la S.R. 48) ed il nostro segn. 120 (tab. poste su un piccolo albero rinsecchito a lato strada). Volgiamo il passo a destra percorrendo l’ottima strada sterrata di cui si vede, per ampi tratti, l’antica lastricatura. Salendo è possibile scorgere fra le fronde il tetto della casera appena lasciata e, sullo sfondo, i Lastóni delle Marmaròle con il Cimón del Fròppa. In breve si giunge ad un tornante (tab.), sorpassando poco oltre un leggero smottamento del terreno, e tornando sulla stupenda strada lastricata che attraversa, in leggerissima salita, i Cianpiéte. Si tralascia sulla sinistra il sentiero (tab. su albero) che discende a Misurina, attraversando lungamente il Pian Macéto e proseguendo, ora in vista delle pareti dolomitiche che ci attorniano da lontano (Cristallo e Tofane in particolare), giungiamo in breve ad incrociare la strada sterrata proveniente dal Col de Varda, al cospetto della Cima Ciadìn della Neve. Da qui svoltiamo a destra ed in circa 20-30 min, risalendo i prati alberati del Col del Viéro, giungiamo a Forcella Maraia e quindi, dopo breve salita, al Rif. Città di Carpi.

 

 
Dolomiti Unesco

Previsioni del tempo

http://www.arpa.veneto
 

Leo Vacanze - Auronzo di Cadore

Pensione Ajarnola

Pasta Zara

Copyright CAI Auronzo 2010 C.F.83001170253 - Powered by FlyWeb using Joomla

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione si accetta la privacy policy del sito. Per saperne di piu` consulta la nostra privacy policy.

Accetto la privacy policy

Privacy policy