45^ Camignada 2017

All'inizio della 45^ edizione della Camignada mancano
Ti aspettiamo a Misurina il 6 agosto 2017

pagina Facebook Camignada

Home Sentieri 121- Casón de la Crosèra – Rif. Città di Carpi

Casón de la Crosèra – Rif. Città di Carpi

 

Casón de la Crosèra 1207 m – Val d’Onge – Tabià di Val d’Onge 1742 m – Pian de la Mussa – Rif. Città di Carpi (innesto sent. attrezzato segn. 116 “Pala del Fién” e sent. segn. 118 e 120) 2110 m.

Dislivello: in salita 903 m; difficoltà: E; tempo di percorrenza medio: ore 3.30; comuni attraversati: Auronzo di Cadore; quota massima: Rif. Città di Carpi 2110 m; periodo consigliato: da giugno ad ottobre; cartografia: Tabacco foglio 017; rifugi e punti di appoggio: Rif. Città di Carpi (0435 39139)

Breve descrizione: per raggiungere il Casón de la Crosèra, partendo da Auronzo, si percorre la S.R. 48 in direzione di Misurina per circa 7 km, deviando quindi a destra all’altezza delle indicazioni per la Val Marzón; si risale quest’ultima per altri 3,5 km giungendo al Pian de la Crosèra, all’inizio della strada sterrata e del nostro sent. segn. 121 che si inoltra, alla nostra sinistra, lungo la Val d’Onge (tab.). Si segue la strada forestale che sale dolcemente, costeggiando il torrente, mentre alle nostre spalle si erge imponente la Pala del Màrden. Giunti al primo tornante si nota, alta sul letto del torrente, una delle condotte idrauliche che permettono la produzione di energia elettrica. In corrispondenza del secondo tornante, oltrepassato un accumulo detritico che ha invaso la sede stradale, si continua nel fresco bosco di abeti rossi sullo stupendo tracciato della strada militare che, durante la Grande Guerra, metteva in comunicazione la Val Marzón con Forcella Maraia. Lungo il percorso, spesso frequentato in mountain bike (attenzione ai ciclisti in discesa), si notano i muri di sostegno a secco ed è spesso evidente anche la massicciata originaria. Il sentiero sale lungo le pendici boscose che fasciano il versante Sud dei Cadini, sulla sinistra idrografica del torrente, incontrando frequenti corsi d’acqua laterali. In corrispondenza della località tabià di Val d’Onge si lascia il solco vallivo per risalire il costone boscoso che conduce al cospetto delle pareti del Cadìn di San Lucano e da qui, con pendenza modestissima, di fronte all’ampia insellatura di Forcella Maraia, si attraversa lo stupendo pascolo del Pian de la Mussa per giungere, in breve, al Rif. Città di Carpi.

 
Dolomiti Unesco

Previsioni del tempo

http://www.arpa.veneto
 

Leo Vacanze - Auronzo di Cadore

Pensione Ajarnola

Pasta Zara

Copyright CAI Auronzo 2010 C.F.83001170253 - Powered by FlyWeb using Joomla

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione si accetta la privacy policy del sito. Per saperne di piu` consulta la nostra privacy policy.

Accetto la privacy policy

Privacy policy