45^ Camignada 2017

All'inizio della 45^ edizione della Camignada mancano
Ti aspettiamo a Misurina il 6 agosto 2017

pagina Facebook Camignada

Home Sentieri 116 - Sentiero attrezzato “Pala del Fién”

“Pala del Fién” - Sentiero attrezzato

 

Rif. Città di Carpi (innesto sent. segn. 118, 120, 121) 2110 m – Salti rocciosi sulla Pala del Fién – Croda de Cianpoduro 2244 m.  Dislivello: in salita 134 m; difficoltà: EEA; tempo di percorrenza medio: ore 1.00; comuni attraversati: Auronzo di Cadore; quota massima: Croda de Cianpoduro 2244 m; periodo consigliato: da luglio a settembre; cartografia: Tabacco foglio 017; rifugi e punti di appoggio: Rif. Città di Carpi (0435 39139).

Breve descrizione: al Rif. Città di Carpi fa da corona uno scenario di incredibile bellezza: le turrite guglie dei Cadini di Maraia e di San Lucano alle sue spalle (N), l’ impressionante bastionata, seppur lontana, costituita dalla Croda dei Toni, che si osserva a Nord-Est lungo la Val d’Onge, le azzurre e selvagge Marmaròle (Sud) che, interrotte dalla Val di San Vito, sembrano continuare nell’altrettanto selvaggio e più severo Sorapìss. Dal rif. si profila verso Est, oltre Forcella Maraia, una piatta e gobba dorsale, che dalla cima della Croda de Cianpoduro degrada lentamente verso la Val d’Onge mentre a Nord scende verticale, con paretine corrugate, verso l’ampio valico. Si attraversa il dosso erboso dell’ampia Forcella Maraia in direzione della grigia paretina verticale, alla cui base si nota un marcato deposito detritico fasciato d’erba e solcato da una traccia di sentiero, che lo risale zigzagando fino ad incontrare la roccia viva. Nella breve salita si notano alcuni bollini rossi che facilitano l’individuazione del punto di attacco della facile paretina e del relativo breve tratto attrezzato, che ne permette la risalita tra balze erbose e buona roccia. Il sentiero risale quindi un breve canalino, passando a fianco di un solitario pino cembro, e giunge in breve alla fine della salita; qui svolta a destra e, su traccia non sempre ben definita (per la presenza di tracce multiple), percorre le lievi ondulazioni della dorsale fra spuntoni di roccia e mughi, conducendo ad una prima croce in legno (quella che si vede dal Rif. Città di Carpi) e quindi a quella sulla Croda de Cianpoduro. Qui il panorama, che già al rifugio avevamo definito di incredibile bellezza, si dilata ancora per diventare semplicemente superbo; il sent. segn. 116 finisce alla sommità della Croda de Cianpoduro tuttavia, prima del ritorno al rifugio, è possibile, su labilissima traccia (ma la morfologia del terrazzamento non pone problemi di orientamento a meno di presenza di nebbia), raggiungere le Pale de Menòto, le cui pareti Sud strapiombano verso la Val d’Ansièi regalando ulteriori squarci di grande suggestione.

 

 
Dolomiti Unesco

Previsioni del tempo

http://www.arpa.veneto
 

Leo Vacanze - Auronzo di Cadore

Pensione Ajarnola

Pasta Zara

Copyright CAI Auronzo 2010 C.F.83001170253 - Powered by FlyWeb using Joomla

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione si accetta la privacy policy del sito. Per saperne di piu` consulta la nostra privacy policy.

Accetto la privacy policy

Privacy policy