45^ Camignada 2017

All'inizio della 45^ edizione della Camignada mancano
Ti aspettiamo a Misurina il 6 agosto 2017

pagina Facebook Camignada

Home Sentieri 117 - “Alberto Bonacossa” - Sentiero attrezzato

“Alberto Bonacossa” - Sentiero attrezzato

 

Rif. Col de Varda 2115 m – Forcella Misurina 2395 m – Ciadìn della Neve (incrocio sent. segn. 118) – Forcella del Diavolo 2380 m – Inn. sent. segn. 115 – Rif. Fonda Savio (innesto ramo occidentale sent. attrezzato segn. 112) 2367 m – Valón del Nevaio (innesto ramo orientale sent. attrezzato segn. 112) 2300 m – Forcella Rinbianco 2176 m (incrocio sent. segn. 119) – Forcella Longères 2288 m – Rif. Auronzo alle Tre Cime (innesto sent. attrezzato segn. 101 e sent. segn. 105) 2320 m.

Dislivello: in salita 680 m, in discesa 620 m; difficoltà: EEA; tempo di percorrenza medio: ore 5.00; comuni attraversati: Auronzo di Cadore; quota massima: Forcella Misurina 2395 m; periodo consigliato: da luglio a settembre; cartografia: Tabacco foglio 017; rifugi e punti di appoggio: Rif. Col de Varda (0435 39041), Rif. Fonda Savio (0435 39036) e Rif. Auronzo alle Tre Cime (0435 39002).

Breve descrizione: il Rif. Col de Varda è raggiungibile da Misurina sia in seggiovia, che percorrendo la strada sterrata che ha inizio proprio a fianco della stazione di valle della medesima. A lato del rif. si imbocca il sentiero attrezzato segn. 117 (tab.), passando a fianco di un cippo che riporta una targa a ricordo di Alberto Bonacossa, valente alpinista cui il sentiero è dedicato. Lungo il percorso, vecchia via di collegamento durante la Grande Guerra, sono installate, nei punti più esposti, tratti di fune metallica e qualche scala. La traccia attraversa, obliquando in salita, i ghiaioni delle Grave di Misurina giungendo all’ omonima forc.. Durante la salita, guardando in direzione del rif. appena lasciato, si vedrà comparire la muraglia del Gruppo del Sorapìss mentre, alla nostra sinistra (Ovest), sopra la fascia boscosa delle Pale di Misurina, si vedranno incastonati il Cristallo ed il Cristallino. Davanti a noi l’incisione della Forcella Misurina e, leggermente a sinistra di questa, si osserva il tavolato del Monte Piana. Giunti in forc. si ridiscende l’opposto versante, confluendo nel Ciadìn della Neve e incrociando il sent. segn. 118 che sale alla Forcella della Neve; si prosegue invece risalendo faticosamente a zigzag il fianco detritico, punteggiato di zolle erbose, in direzione della Forcella del Diavolo. Raggiuntala, si profilano davanti a noi il ramo dei Tóci dei Cadini, con la Torre Wundt in evidenza, e le Tre Cime di Lavaredo. Si ridiscende nuovamente l’opposto versante congiungendosi, dopo breve risalita, al sent. segn. 115, proprio sotto il Rif. Fonda Savio. Da qui, tralasciamo a destra il ramo occidentale del sent. attrezzato segn. 112 “Durissini” che sale lungo il Ciadìn del Nevaio, per scendere decisamente per gradoni verso il Valón del Nevaio, mare di ghiaie alla base del Cimón di Croda Liscia, dove ha inizio il ramo orientale del sentiero “Durissini”. Giunti a Forcella Rinbianco incrociamo (tab.) il sent. segn. 119 e, perdendo quota, andiamo ad attraversare lungamente le pendici rocciose della Cima di Rinbianco, fino a giungere sotto un diedro che rappresenta il punto alpinisticamente più impegnativo del nostro percorso. Superatolo con l’ausilio dell’ottima attrezzatura, si continua per larga cengia fino al magico incontro con le Tre Cime di Lavaredo su di una sella ghiaiosa. Da qui, percorrendo la dorsale Nord delle Cianpedèle, si giunge al Rif. Auronzo.

 
Dolomiti Unesco

Previsioni del tempo

http://www.arpa.veneto
 

Leo Vacanze - Auronzo di Cadore

Pensione Ajarnola

Pasta Zara

Copyright CAI Auronzo 2010 C.F.83001170253 - Powered by FlyWeb using Joomla

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione si accetta la privacy policy del sito. Per saperne di piu` consulta la nostra privacy policy.

Accetto la privacy policy

Privacy policy