45^ Camignada 2017

All'inizio della 45^ edizione della Camignada mancano
Ti aspettiamo a Misurina il 6 agosto 2017

pagina Facebook Camignada

Home Sentieri 226 - Foresta di Somadida (Ponte degli Alberi) – Rif. Scotter-Palatini

Foresta di Somadida (Ponte degli Alberi)
Rif. Scotter-Palatini

 

Ponte degli Alberi (Foresta di Somadida) 1134 m – Ponte Piccolo (innesto sent. attrezzato segn. 279), 1150 m – Alle Briglie (innesto sent. attrezzato segn. 277 “Osiride Brovedani”) 1190 m – Ciadìn del Doge (innesto sent. attrezzato segn. 278) circa 1650 m– Val di San Vito – Inn. sent. segn. 247 e sent. attrezzato segn. 280 “Antonio Sanmarchi” 2047 m – Forcella Grande 2255 m – Inn. sent. segn. 246 – Rif. San Marco (innesto sent. segn. 225 e 227) 1823 m – Rif. Scotter Palatini (innesto sent. segn. 229) 1580 m.

Dislivello: in salita 1121 m, in discesa 675 m; difficoltà: EE; tempo di percorrenza medio: ore 4.30; comuni attraversati: Auronzo e San Vito di Cadore; quota massima: Forcella Grande 2255 m ; periodo consigliato: da giugno a settembre; cartografia: Tabacco foglio 016; rifugi e punti di appoggio: Rif. Scotter-Palatini (0436 99035) e Rif. San Marco (0436 9444).

Breve descrizione: da Auronzo si percorre la S.R. 48 in direzione di Misurina per circa 15 km fino a Palùs San Marco dove, poco dopo aver oltrepassato il grande edificio della Colonia Gregoriana (alla nostra destra), si devia a sinistra In corrispondenza di una non visibilissima tab. del Corpo Forestale dello Stato, che indica la vicina Riserva Naturale Orientata di Somadida. Parcheggiata l’auto, si oltrepassa il Ponte degli Alberi e ci si inoltra (destra) in piano lungo la comoda strada sterrata che porta, in breve, al Rif. Tre Sorelle (apertura estiva con possibilità di visita della piccola esposizione a cura del Corpo Forestale dello Stato). Passato il vicinissimo Ponte Piccolo, si svolta a destra (lasciando a sinistra il sent. attrezzato segn. 279). Si continua su ampia e diritta strada fino allo slargo della bassa Val di San Vito dove, sul fianco sinistro della fiumana di ghiaie, si stacca, sempre a sinistra (Sud), seminascosta dalla vegetazione (tab.), la traccia di sent. con segn. 226. Questa risale faticosamente la base della Val del Fógo per poi traversare a destra verso il Ciadìn del Doge ad incontrare, ai piedi della parete Nord del Corno del Doge, il bivio con il sent. attrezzato segn. 278. Lasciato quest’ultimo a sinistra, si continua la lunga risalita della splendida Val di San Vito, incrociando e trascurando a destra il sent. segn. 247 ed a sinistra il sent. attrezzato segn. 280 “Antonio Sanmarchi”, risalendo ancora ed accostando dapprima la meraviglia della Torre dei Sabbioni, si giunge finalmente sulla Forcella Grande. Oltrepassato il valico, ci si cala quindi zigzagando lungo il frantumato ed erto canale del Giou Scuro per deviare a sinistra, appena sopra il limite del bosco, e giungere, in breve, dapprima al Rif. San Marco e poi, facilmente, al Rif. Scotter-Palatini.

 
Dolomiti Unesco

Previsioni del tempo

http://www.arpa.veneto
 

Leo Vacanze - Auronzo di Cadore

Pensione Ajarnola

Pasta Zara

Copyright CAI Auronzo 2010 C.F.83001170253 - Powered by FlyWeb using Joomla

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione si accetta la privacy policy del sito. Per saperne di piu` consulta la nostra privacy policy.

Accetto la privacy policy

Privacy policy