45^ Camignada 2017

All'inizio della 45^ edizione della Camignada mancano
Ti aspettiamo a Misurina il 6 agosto 2017

pagina Facebook Camignada

Home Sentieri 103 - Val Giralba (Pian de la Vèlma) – Rif. Fondovalle

Val Giralba (Pian de la Vèlma) – Rif. Fondovalle

 

Pian de la Vèlma 960 m – Val Giralba Bassa – Pian de le Salère (inn. sent. attr. segn. 109) 1365 m – Val Giralba Alta – Inn. via ferrata segn. 110 “Cengia Gabriella”, 2163 m – Rif. Carducci 2297 m – Forc. Giralba (confine con Provincia di Bolzano) 2431 m – Inn. sent. attr. segn. 101, inizio tratto a doppia numerazione 101-103 – Rif. Zsigmondy-Comici (fine tratto a doppia numerazione) 2224 m – Val Fiscalina – Inn. sent. segn. 102 – Rif. Fondovalle 1548 m.
Dislivello: in salita 1471 m, in discesa 883 m; difficoltà: E; tempo di percorrenza medio: ore 6.00; comuni attraversati: Auronzo di Cadore e Sesto Pusteria; quota massima: Forc. Giralba 2431 m; periodo consigliato: da giugno a settembre; cartografia: Tabacco foglio 017; rifugi e punti di appoggio: Rif. Carducci (0435 400485), Rif. Zsigmondy-Comici (0474 710358) e Rif. Fondovalle (0474 710606).


Breve descrizione: partendo da Auronzo, si percorre la S.R. 48 in direzione di Misurina, oltrepassando di c. un km la segnalata deviazione per la Val da Rin ed accostando quindi sulla d. una vecchia casa, al cui fianco ha inizio via “Pian della Velma”; si percorre la stradina asfaltata fino al Pian de la Vèlma, dove si può parcheggiare l’auto (all’imbocco della stradina vi sono, oltre ad un crocefisso, le consumate indicazioni per il Rif. Carducci).

Dal Pian de la Vèlma (tab.) attraversiamo, su larga e pianeggiante strada sterrata, una zona boscata a forte prevalenza di pino silvestre, per giungere ad intravedere alla nostra sin. il bianco letto del Torr. Giralba ed iniziare, sempre su ottimo tracciato, la salita della Val Giralba Bassa. Superato un primo tratto, si giunge ad un bivio con una stradina di servizio alla nostra sin., che tralasceremo per seguire i segn. CAI in decisa salita, non più su strada forestale ma su una buona traccia di sentiero. Si percorre la fresca valle, che in breve diventa più luminosa, in compagnia del sostenuto borbottio delle acque del torrente che scorre alla nostra sin., superando qualche pendio franoso e giungendo all’incantevole visione delle Guglie de Stalàta che incoronano l’omonima valle. Man mano, oltre alle guglie, emergerà di fronte a noi la poderosa bastionata del M. Giralba di Sotto; superato il torrente su un ponte di legno, dal quale si ha alle nostre spalle (S) una stupenda visione del M. Ciarìdo e del M. Ciastelìn, ultime propaggini orientali delle Marmaròle, si giunge in progressiva salita (la fattura militare della strada si fa vedere in più punti) alla radura baranciosa del Pian de le Salère (tab.).

Lasciato a d. il sent. attr. segn. 109 che risale la selvaggia Val de Stalàta ed a sin. una capanna posta in opera dai cacciatori, si prosegue lungamente la risalita dell’Alta Val Giralba in uno scenario di sempre più incredibile
suggestione, fino ad incrociare a d., sotto la rosea parete del M. Giralba di Sopra, mentre già si vede il Rif. Carducci sulla testata della valle, il percorso della via ferrata “Cengia Gabriella” segn. 110. Si risale su traccia ghiaiosa il tratto che giunge all’agognato rifugio, posto alla base dell’incredibile bastionata della Croda dei Toni. Lasciatolo, si guadagna la retrostante Forc. Giralba, sulla quale corre il confine con la Provincia autonoma di Bolzano, per scendere i ghiaioni alla base della parete N della Croda dei Toni e giungere in breve al Rif. Zsigmondy-Comici e quindi, calandosi per la Val Fiscalina, al Rif. Fondovalle.

 
Dolomiti Unesco

Previsioni del tempo

http://www.arpa.veneto
 

Leo Vacanze - Auronzo di Cadore

Pensione Ajarnola

Pasta Zara

Copyright CAI Auronzo 2010 C.F.83001170253 - Powered by FlyWeb using Joomla

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione si accetta la privacy policy del sito. Per saperne di piu` consulta la nostra privacy policy.

Accetto la privacy policy

Privacy policy